L’Aeffetto Domino dei sentimenti: il cinema di Fabio Massa

Aeffetto Domino ha segnato l'esordio alla regia dell'attore di Castellammare di Stabia Fabio Massa. Il film ha ottenuto diversi riconoscimenti in rassegne cinematografiche internazionali. Una pellicola intensa nella quale si racconta il fluire della vita e dei suoi sentimenti.

1
1369
L'attore e regista Fabio Massa.
- Articolo offerto da... -Pasta D'Aragona, Gragnano
Pubblicità

Questo spazio si è occupato di rado di cinema. Se lo ha fatto è stato per mettere in contatto il linguaggio cinematografico con il mondo dei libri.

Oggi, però, intendo fare un’eccezione. Quest’eccezione ha un nome e cognome: Fabio Massa.

Regista, attore, scrittore Fabio è nato a Castellammare come il sottoscritto. E con il sottoscritto condivide l’amore per una città bella e dannata. Una città di poesia e miserie. Una città di creatività e depressione.

Fuori da ogni demagogia, Massa è un figlio di questa terra. Una terra che nel silenzio troppe volte distratto e indifferente, Fabio sta cercando di onorare e cantare. Come nel suo ultimo film: Aeffetto Domino.

Un film intenso, drammaticamente dolce, commovente.

Una pellicola che ha segnato l’esordio alla regia di Massa e che ha fatto incetta di premi.

Lo scorso 20 maggio Aeffetto Domino si è aggiudicato, nello spazio di un pomeriggio, sia il Gran Premio della Giuria Internazionale alla terza edizione del “The Gulf of Naples Film Festival”, tenutasi presso l’Istituto Pontano di Napoli, sbaragliando la concorrenza di film arrivati da tutto il mondo, sia il riconoscimento come miglior film indipendente alla terza edizione del “Napoli Cultural Festival”, diretto da Massimo Andreì ( regia di Mater Matuta, in concorso al Festival di Venezia nel 2005 ) e svoltosi nella suggestiva cornice del Palazzo Aragonese di Palma Campania.

Fabio Massa in una scena del film Aeffetto Domino.

Aeffetto Domino è un film che intreccia il racconto della vita alla sua continua e costante trasformazione. Quella di Lorenzo, il protagonista, interpretato dallo stesso Fabio Massa, impegnato in un’associazione che si occupa di bambini disagiati; quella di Khalid, un giovanissimo africano, destinato a incrociare il proprio destino con quello di Lorenzo. Sullo sfondo, il continente nero, l’Africa, con i suoi paesaggi mozzafiato e le sue contraddizioni, le sue miserie così cariche di infinita umanità. Una storia affidata a un cast d’eccezione, composto da Cristiana Donadio – la Scianel nella fiction Gomorra –, Pietro De Silva (La vita è bella), Ivan Bacchi, Salvatore Cantalupo e Martina Liberti.

« Questi due riconoscimenti – è il commento entusiasta di Fabio Massa – ripagano dei tanti sacrifici sostenuti in questi anni. Fanno capire che il duro lavoro prima o poi paga. Intendo condividere la gioia di questi premi con chi, insieme a me, ha lavorato in silenzio, mettendoci il cuore e la faccia. Il cast, la troupe e tutti coloro che hanno fatto sì che Aeffetto Domino arrivasse a raggiungere traguardi così importanti. Un film – aggiunge – nato da un’esperienza molto forte, legata a un mio viaggio in Africa durante il quale ho incontrato un bambino africano di nome Khalid, la cui storia è finita nel film. Un ragazzo sordomuto, dagli occhi determinati, capace di guidare la sua tribù, di notte, tra le strade del deserto».

Infine, un pensiero speciale rivolto a Castellammare di Stabia.

«Ho voluto che Castellammare fosse presente nel mio film – ha dichiarato l’attore – al punto che una delle scene finali del lungometraggio è stata girata all’interno di Villa Gabola. A questa splendida città mi lega un viscerale rapporto di amore e odio, dal quale attingo continui stimoli culturali ed artistici».

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here